la prima traversata. Madeira Bermuda

Sdraiata finalmente in cabina, sono le 9 di sera, navigo nell’oceano Altantico e non soffro il mal di mare al computer. Evviva il famoso respiro dell’oceano mi sta come il vestito di lino bianco che quando lo indosso tutti si girano 😉 Il gruppo rimasto a bordo dopo la partenza dell’inglesino a Madeira, è formato da me, la cuoca e hostess di bordo, dal proprietario John olandese americano, da Rodrigo il comandante messicano e da Richard il marinaio olandese ormai spagnolo naturalizzato.

Leggi tutto “la prima traversata. Madeira Bermuda”

il primo Atlantico. da Sotogrande a Madeira

Sfrecciamo su una Kawasaki degli anni ’80 a 190km/h sul raccordo anulare. Per fortuna lui ha esperienza, tanto da insistere per mettere lo zaino davanti sul serbatoio invece di lasciamelo sulle spalle. Il vento è così forte che sarei stata portata via sicuramente. L’avventura inizia da quel momento.

Leggi tutto “il primo Atlantico. da Sotogrande a Madeira”

“Hai chiesto il permesso? T’hanno detto de no? Stacce.” cit

Parto da un’articolo pubblicato sulla Gazzetta di Modena qualche settimana fa (http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2017/05/02/news/insegna-alle-donne-a-difendersi-ma-pesta-la-sua-ex-di-modena-1.15281081).

In quest’articolo viene riportato il caso di un uomo, che chiamerò l’Abbandonato per motivi che vi saranno presto chiari. Dunque, l’Abbandonato è un insegnante di arti marziali che impartisce a gruppi di donne lezioni di difesa personale. Per anni, l’Abbandonato consiglia, insegna, forma ed informa queste donne su come reagire, dove colpire come sottrarsi a brutti attacchi di bruti. Insegnare alle donne come difendersi è il suo lavoro e lo fa per anni, finché arriva il giorno che la sua fidanzata, che chiamerò l’Arpia, decide di mollarlo.

Leggi tutto ““Hai chiesto il permesso? T’hanno detto de no? Stacce.” cit”

Thalassa perchè

Pochi giorni fa ero al telefono con la mia amica Francesca. “Sai Fra, finalmente il progetto blog sta prendendo forma ma… uff il titolo. Come lo chiamo? Il meraviglioso mondo di Laura, pensando al film della francesina con la testa tra le nuvole e il sorriso sbarazzino? O forse il dinamico mondo di Laura, visto chi sono, potrebbe essere adatto e chiarificatore. Che dici? O magari, riferendomi alla mia vita di mare mutevole, il fluido mondo di Laura?” No La. Non vanno bene!”

Leggi tutto “Thalassa perchè”

Libro di bordo. “Svalbard a vela nell’arcipelago di ghiaccio”

Libri. Ecco il racconto della scrittrice Laura Canepuccia e di cosa a spinto la donna cuoca marinaia a scrivere il libro “Svalbard, a vela nell’arcipelago di ghiaccio” pubblicato su Solo Vela Net n.28 del 2016

Leggi tutto “Libro di bordo. “Svalbard a vela nell’arcipelago di ghiaccio””

Cara volvo ocean race, le donne non devono conquistarsi un posto sulle barche

una velista- scrittrice commenta la notizia del cambio di regole del giro del mondo in equipaggio che vuole potenziare le “quote rosa”. “Ma nel mondo marittimo così spiccatamente maschile – c’è poi così tanta differenza tra uomini e donne?” di Laura Canepuccia la stampa.it 24 ottobre 2016

Leggi tutto “Cara volvo ocean race, le donne non devono conquistarsi un posto sulle barche”

Le donne nella vela devono prepararsi meglio di un uomo

parole della britanica Hannah Jenner prima skipper della Clipper Round the World Race. Laura Canepuccia l’ha incontrata ai Caraibi

Ecco la testimonianza di un incontro, quello tra Laura Canepuccia, l’autrice di “Svalbard” (Nutrimenti), un viaggio nei mari artici come co-skipper di un 20metri a vela, e Hannah Jenner, la skipper britannica, prima donna skipper della Clipper Round the World yacht Race nel 2007/8. Laura tifa per le donne nella vela. Pubblicato il 22/4/2017

Leggi tutto “Le donne nella vela devono prepararsi meglio di un uomo”